home / archivio notizie / dettaglio notizia

Manovra di bilancio: le dichiarazioni di voto in Aula

Ghera, Corrado, Simeone, Ciacciarelli e il solo Vincenzi a nome della maggioranza i consiglieri che hanno preso la parola.
23/12/2020
La serie delle dichiarazioni precedenti il voto finale ai due principali provvedimenti della manovra, la proposta di legge n. 262, legge di stabilità, e la n. 263, bilancio della regione Lazio, si è aperta con quella di Fabrizio Ghera : a suo parere,  l’approvazione di un bilancio è tanto più importante alla fine di un anno in cui il virus ha prodotto conseguenze pesanti sull’economia; tuttavia i lavori si sono svolti in modo anomalo, ma l’opposizione ha dato il suo contributo in positivo, secondo il consigliere di Fratelli d’Italia, anche se non è stato possibile intervenire sul bilancio come si sarebbe voluto: il risultato è un bilancio che non riesce a risolvere i problemi del Lazio, per Ghera. Non ci sono stati sostegni alle imprese e ai lavoratori, secondo Ghera, specie in ambito sanitario.  L’utilizzo dei fondi europei dovrà essere fatto in modo oculato, in questa situazione, e soprattutto senza mandare inutilizzato nulla, come purtroppo  è successo nel recente passato. Solo grazie all’intervento delle opposizioni si è evitato il taglio di fondi ai comuni e si è cercato di dare un sostegno alle attività di cooperazione; lodevole anche l’impegno di Pirozzi per intervenire sulla tassazione relativa ai comuni rientranti nel cratere sismico, secondo Ghera. 

Valentina Corrado del Movimento 5 stelle ha dichiarato voto contrario perché la manovra doveva, a suo avviso, concentrarsi solo su imprese e famiglie, nella situazione presente, tralasciando l’inserimento di misure di riorganizzazione amministrativa che poco avevano a che fare con la situazione del momento; il contributo del Movimento comunque è stato importante, a suo avviso, con una serie di misure significative accolte nella manovra. Lotta al tabagismo, tutela delle risorse idriche, sostegno alle misure a favore di energie alternative, lotta agli sprechi alimentari, tra i temi su cui il contributo del M5s è stato accolto, ha detto ancora la consigliera 5 stelle. Il bonus per la digitalizzazione dei docenti vuole intervenire a favore di chi è in prima linea sul fronte della didattica a distanza. Queste e altre misure sono finalizzate a garantire un vero cambiamento alla regione Lazio, per Corrado.

Giuseppe Simeone di Forza Italia ha ricordato l’eccezionalità – in negativo, purtroppo - di quest’ anno che sta per concludersi; di fronte a ciò, non è stato messo in campo dalla regione, a suo parere, il potenziale che si doveva, pur senza che siano mancati elementi di positività. Lo sforzo emendativo di Forza Italia si è concentrato sul Defr, che a parere del consigliere è un documento non formale ma di efficacia reale. Specialmente il contributo di Forza Italia sul tema infrastrutturale e viario e su quello turistico sono stati apprezzati da Simeone. Uno scatto è necessario invece, per il consigliere, sulla sanità: liste di attesa troppo lunghe  e insufficienza del servizio sul territorio. Il 2021 su tutti questi temi dovrà essere l’anno della speranza, ha concluso Simeone.

“Un’altra occasione persa” è questo bilancio, secondo Pasquale Ciacciarelli della Lega: occasione di discussione e di condivisione, soprattutto, in una situazione di eccezionalità che la richiedeva più che mai. La sburocratizzazione del Lazio è una priorità, specie in ambito sanitario ma non  solo; a proposito di sanità, Ciacciarelli ha ricordato la battaglia della Lega sul Forlanini. Anche il commercio ha necessità di risposte, per il consigliere della Lega; un cenno anche al problema dei contratti in ambito giudiziario, che va risolto una volta per tutte, anche se il rinnovo di un anno è intanto importante. Decisivo il tema dei presidi sanitari e quello dell’assistenza domiciliare, ma bisogna riequilibrare il carico delle AASSLL secondo la densità abitativa, ha concluso Ciacciarelli.

Per il partito democratico, il capogruppo Marco Vincenzi  ha fatto una dichiarazione di voto anche a nome degli altri capogruppo di maggioranza: iniziata coi ringraziamenti di rito, la sua dichiarazione è proseguita parlando di “investimenti rilevantissimi” previsti da questa manovra. Il sostegno alle categorie sociali nell’anno che si spera sia quello decisivo per la sconfitta del virus è ciò che è contenuto in questa manovra, ma il pensiero di Vincenzi va soprattutto agli operatori della sanità che sono stati e sono ancora in prima linea in questa battaglia che ha occupato gran parte dell’anno che si conclude.

  A cura dell'Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio

Ufficio Stampa


Condividi su