home / archivio notizie / dettaglio notizia

Due leggi sui debiti fuori bilancio, via libera a maggioranza

Via libera anche alla ratifica delle variazioni di bilancio per 3 milioni e 741 mila euro, adottate dalla Giunta in via d’urgenza, a causa dell’emergenza Covid-19
La sala Etruschi con i membri dell'Ufficio di presidenza durante i lavori dell'Aula in modalità telematica.18/11/2020
Il Consiglio regionale del Lazio, presieduto da Mauro Buschini (Pd), riunitosi in modalità telematica, ha approvato, a maggioranza, tre proposte di legge in materia di contabilità regionale. Con la proposta di legge regionale n. 246, il Consiglio ratifica quattro variazioni di bilancio, per un ammontare complessivo di tre milioni e 741 mila euro, adottate in via d’urgenza dalla Giunta regionale, in deroga alla normativa nazionale in materia di contabilità delle regioni e degli enti locali, ai sensi decreto legge 18/2020 (Cura Italia). Con le pl n. 249 e n. 250, la Regione Lazio riconosce la legittimità dei propri debiti fuori bilancio derivanti da acquisizione di beni e servizi in assenza del preventivo impegno di spesa e da sentenze esecutive della magistratura, per un ammontare complessivo di tre milioni e 574 mila euro.

Le quattro variazioni di bilancio oggetto di ratifica da parte del Consiglio sono contenute in tre deliberazioni di Giunta. Come ha spiegato l’assessore al Bilancio, Alessandra Sartore, “a seguito della situazione emergenziale connessa alla diffusione sul territorio nazionale del Covid-19, il legislatore nazionale ha previsto la possibilità di adottare misure urgenti e straordinarie, in deroga alle disposizioni in materia contenute all’interno dell’articolo 51 del dlgs 118/2011”. La prima, di 260 mila euro, è stata adottata al fine di dare urgente riscontro alle necessità dell’università agraria di Palestrina. Due le variazioni riguardanti il trasporto pubblico locale, una riguardante la revisione del budget Cotral spa (741 mila euro), e una finalizzata all’erogazione di un contributo straordinario di un milione di euro a favore di Roma Capitale, da destinare ai servizi per la copertura integrativa del servizio di trasporto pubblico locale, per la ripresa delle attività scolastiche. La quarta variazione, per un ammontare di due milioni di euro, riguarda l’implementazione dello stanziamento del fondo sociale di parte corrente per il finanziamento di provvedimenti legislativi.

In merito ai debiti fuori bilancio, l’assessore Sartore ha spiegato che questi sono il frutto della ricognizione delle situazioni debitorie sussistenti per le relative fattispecie, operata da ciascuna direzione regionale competente, mediante l’adozione di appositi provvedimenti. Con l’approvazione delle pl 249 e 250, le strutture regionali competenti potranno adottare i provvedimenti di spesa relativi ai debiti fuori bilancio riconosciuti. La pl 249 riguarda debiti per un ammontare pari a 706 mila euro, relativi a incarichi di domiciliazione e rappresentanza legale della Regione Lazio, servizi di facchinaggio e vigilanza e spese relative alla gestione degli acquedotti dell’ex Cassa per il Mezzogiorno. La pl 250, invece, permetterà agli uffici regionali competenti di onorare debiti derivanti da sentenze esecutive della magistratura per due milioni e 768 mila euro.

Nel corso della discussione per via telematica, è intervenuta la consigliera Valentina Corrado (M5s). Sulla proposta n. 246, Corrado ha ricordato che, sulle variazioni di bilancio fatte per sostenere e finanziare le misure per il Covid, sono state espresse in commissione alcune perplessità rispetto ad alcune tipologie di variazioni, ma “noi non voteremo in maniera contraria, perché ci sono stati anche provvedimenti urgenti e necessari, quindi ci asterremo”. Sulla pl 249 in materia di debiti fuori bilancio senza preventiva autorizzazione di spesa, Corrado ha espresso la posizione contraria del gruppo del Movimento 5 stelle, mentre sulla proposta di legge 250 che prevede il riconoscimento dei debiti fuori bilancio derivanti da sentenze passate in giudicato ha annunciato il voto favorevole. Ad annunciare il voto contrario di Fratelli d’Italia, è intervenuto Fabrizio Ghera. “Attendiamo – ha dichiarato Ghera - che ci sia la possibilità di lavorare con i colleghi in commissione bilancio, per indirizzare le vere scelte, per quanto riguarda il futuro, sul tema della sanità, del Covid, delle infrastrutture e su tutto quello che è importante. Speriamo quindi che al più presto inizi la sessione di bilancio, per fare in modo che queste variazioni vengano a cessare. Adesso, senza entrare nel merito delle singole voci, comunque credo che sia opportuno esprimere un voto contrario”. A cura dell'Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio

Ufficio Stampa


Condividi su