Ecco come esprimere la doppia preferenza di genere

Il 10/05/2013 alle ore: 10:37
La Consulta femminile regionale ricorda che per le Elezioni comunali del 26 e 27 maggio 2013 si possono eleggere più donne.
La Consulta femminile regionale ricorda che per le Elezioni comunali del 26 e 27 maggio 2013 si possono eleggere più donne.

Le nuove disposizioni previste dalla Legge n. 215 del 23 novembre 2012 "Disposizioni per promuovere il riequilibrio delle rappresentanze di genere nei consigli e nelle giunte delle regioni e degli enti locali", hanno introdotto per la prima volta una importante novità: si possono dare due preferenze, ma non due uomini e non due donne, bensì una Donna e un Uomo.
Ma non solo. Nelle liste dei candidati deve essere assicurata la rappresentanza di entrambi i sessi.
Nelle medesime liste, nei comuni con popolazione compresa tra 5.000 e 15.000 abitanti, nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura superiore ai due terzi dei candidati.

ECCO COME SI VOTA CON LA DOPPIA PREFERENZA DI GENERE:

L'ELETTORE ha la possibilità, non l'obbligo, di esprimere due preferenze (anziché una) purché riguardanti CANDIDATI di sesso diverso. PENA l'ANNULLAMENTO della seconda preferenza.
Si possono quindi scrivere DUE nomi, l'importante che siano uno di UNA candidata DONNA e l'altro di UN candidato UOMO.



Allegati

Condividi su