Proroga Bando di Concorso: "Mai più violenza: esci dal silenzio" 2012

Proroga termine Bando di Concorso: "Mai più violenza: esci dal silenzio" 2012, il 13/06/2012 alle ore: 12:00
AVVISO PUBBLICO CONSIGLIO REGIONALE DEL LAZIO
SERVIZIO COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE, RELAZIONI ESTERNE

AVVISO PUBBLICO
CONSIGLIO REGIONALE DEL LAZIO
SERVIZIO COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE,
RELAZIONI ESTERNE

Consulta Femminile Regionale per le Pari Opportunità
Bando di Concorso: "Mai più violenza: esci dal silenzio" 20112


PROROGA TERMINE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI PARTECIPAZIONE

La violenza contro le donne rappresenta uno dei crimini più efferati contro l'umanità, le cui conseguenze investono profondamente l'intera collettività.

La Consulta Femminile per le Pari Opportunità della Regione Lazio, al fine di contrastare questo crescente fenomeno e diffondere la cultura della non violenza, promuove, per il quinto anno consecutivo, il bando di concorso "Mai più violenza:esci dal silenzio" edizione 2012.

L'iniziativa è finalizzata al coinvolgimento delle nuove generazioni nella diffusione della cultura della non violenza e del rispetto della persona e alla conoscenza delle conseguenze della violenza che segnano profondamente la personalità della donna e il suo contesto relazionale, minando, al contempo, il grado di civiltà dell'intera comunità.

La Consulta Femminile ritiene pertanto necessario stimolare, nell'ambito delle attività didattiche e di ricerca, un'approfondita analisi del fenomeno, coinvolgendo le studentesse, gli studenti, il corpo docente e gli organismi istituzionali, anche femminili, nella ricerca di possibili azioni da perseguire per denunciare ogni forma di violenza sulle donne.

Tutte le opere pervenute saranno esposte in occasione della cerimonia di premiazione e costituiranno documentazione della Consulta per rappresentare alla collettività il messaggio delle nuove generazioni per arrestare la violenza contro le donne.

Le tre opere premiate saranno valorizzate e destinate alla diffusione del messaggio contro la violenza sulle donne mediante l'affissione del manifesto dell'opera figurativa nei capoluoghi di provincia della nostra Regione, la stampa e la diffusione del trattato letterario e la promozione di spot pubblicitari del contributo multimediale, al fine di contribuire a sollecitare una riflessione consapevole sulla violenza che investa l'intera collettività invitandola all'individuazione di percorsi "alternativi" e di comportamenti rispettosi di sé e degli altri.

La pubblicazione e la diffusione delle opere vincitrici avverrà in prossimità della celebrazione della Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne, che ricorre il 25 Novembre.

Destinatari
Il concorso si rivolge agli studenti/esse delle scuole medie superiori di secondo grado, statali e paritarie ed agli allievi dei percorsi triennali di istruzione e formazione del Lazio .

Sezioni
- breve componimento di singole/i candidate/i o di gruppo;
- elaborati artistici di singole/i candidate/i o di gruppo;
- elaborati multimediali di singole/i candidate/i o di gruppo;

Contenuti
I lavori dovranno rappresentare con un breve componimento ovvero attraverso un elaborato artistico o multimediale, il messaggio da trasmettere alla collettività per far uscire dal silenzio le donne, un fenomeno che ci riguarda tutte e tutti.

Modalità di partecipazione e presentazione degli elaborati
Gli elaborati dovranno essere presentati in forma cartacea e/o in digitale ovvero, laddove trattasi di creazioni artistiche di diversa fattura, mediante spedizione di un pacco sigillato.
Non si potrà presentare più di un elaborato per ciascuna persona o gruppo.
Alla trasmissione dell'elaborato andrà allegata una scheda di presentazione in cui dovrà essere indicato se si tratta di lavoro individuale o di gruppo nonché i dati dell'autrice o autore/delle autrici o dell'autori (nome, cognome, indirizzo, scuola e classe).
La scheda di presentazione dovrà essere debitamente firmata dall'estensore/i del lavoro, pena l'esclusione dalla valutazione.
In caso di partecipazione di minori, per la pubblicazione degli elaborati dovrà essere allegata la liberatoria, sottoscritta da chi esercita la patria potestà.
I lavori e le schede di presentazione dovranno pervenire in busta chiusa, a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, entro le ore dodici del 19 OTTOBRE 2012, al seguente indirizzo: Consulta femminile regionale per le Pari Opportunità della Regione Lazio, Via della Mercede, 52, 00187 - ROMA. Sulla busta dovrà essere evidenziata la dicitura: "Bando di concorso Mai più violenza: esci dal silenzio 2012".
Saranno comunque considerati pervenuti in tempo utile i lavori e le schede di presentazione spediti entro il 19 OTTOBRE 2012. A tal fine farà fede la data di spedizione apposta con timbro postale.


Commissione di valutazione e criteri di valutazione
I lavori pervenuti verranno valutati da una apposita giuria composta da rappresentanti della Consulta, personalità del mondo della cultura, della scuola, del mondo del sociale e della comunicazione.

Criteri di valutazione:
- rispondenza dei lavori proposti alle finalità e ai contenuti del bando;
- forza propositiva dei messaggi espressi nei lavori;
- originalità-innovatività delle forme letterarie, artistiche o multimediali presentate;
- rapporto tra linguaggio artistico-letterario e forza espressiva, anche in riferimento ad una visione e un linguaggio di genere.

Premi
Miglior elaborato artistico, euro mille;
Miglior elaborato letterario, euro mille;
Miglior elaborato multimediale, euro mille.

Premiazione
La cerimonia di premiazione si terrà il 23 Novembre 2012.

Le vincitrici e/o i vincitori verranno avvisati direttamente tramite comunicazione scritta e dovranno essere presenti alla cerimonia di premiazione.
L'erogazione delle somme relative ai premi sarà effettuata tramite gli Istituti scolastici presso i quali sono iscritti gli studenti risultati vincitori.
Le opere premiate resteranno di proprietà della Consulta femminile per le Pari Opportunità della Regione Lazio.


La Presidente della Consulta Femminile
Regionale per le Pari Opportunità

Donatina Persichetti

Il Direttore del servizio ad interim
Nazzareno Cecinelli

Condividi su