Reti di impresa, incardinato allo Schema di delibera. Su Colleferro un progetto di rilancio per gli esercizi di vicinato

Capuano: "la città di Colleffero, diventi più attrattiva per il flusso di visitatori che gravita nei centri commerciali dei dintorni".
Un punto vendita. 27/01/2022 - Due gli argomenti trattati in commissione Sviluppo economico e attività produttive, presieduta da Marietta Tidei, riunita oggi, in modalità telematica.  In primis, la commissione ha espresso il parere di competenza sullo Schema di delibera concernente il “Testo unico del commercio, relative alle forme aggregative tra imprese commerciali e Reti di Imprese”. A seguire, invece, un’audizione sulle problematiche del comparto commerciale e imprenditoriale della città di Colleferro.

Lo Schema di delibera n. 218 concernente per l’approvazione delle disposizioni attuative art. 94 LR 22/2019, è stato illustrato dall’assessore allo Sviluppo economico Paolo Orneli, che ha parlato di un bando più snello di quello precedente, nella tempistica, infatti, dovrebbe essere pubblicato entro febbraio, con l’obiettivo di finanziare almeno 150 reti di impresa. L’assessore ha spiegato le facilitazioni introdotte dal nuovo bando, è stato infatti eliminato il doppio livello di rendicontazione, saranno i Rup delle amministrazioni a gestire i rapporti con le reti di impresa. “La mia idea è quella di pubblicare il bando dopo la metà febbraio – ha dichiarato l’assessore Orneli – quindi, di dare il tempo alle amministrazioni e alle reti di presentare progetti prima dell’estate e partire con le attività di promozione e marketing territoriale prima di natale”.  Al termine della seduta lo SD è stato incardinato per la prossima seduta e votazione,  la presidente Tidei ( Gruppo Misto) ha proposto un breve ciclo di audizioni con le associazione di impresa dell’Anci.

Sono intervenuti: Francesca De Vito (Gruppo Misto), Enrico Forte (PD), Marta Leonori (PD), Angelo Tripodi (Lega).



A seguire si è tenuta, invece, un’audizione richiesta da Francesca De Vito, a sostegno degli esercizi di vicinato del piccolo, ma strategico comune di Colleferro, pertanto è stato audito  Giuseppe Antonio Capuano, dell’associazione Confcommercio della città.

Giuseppe Antonio Capuano, ha parlato della necessità di rilanciare la cittadina laziale intorno alla quale gravitano grandi outlet, parchi gioco e grandi magazzini. Ha spiegato che occorre partire da una riqualificazione del centro e delle piccole attività locali che rischiano di sparire.  “Dovremmo  avvalerci del flusso di presenze che gravita intorno alla città di Colleferro per i grandi centri commerciali -  ha dichiarato Capuano -  essendo a pochi chilometri da questi centri, ma per farlo abbiamo bisogno di una progettualità con le reti di impresa e con tutti i soggetti coinvolti, necessitiamo di finanziamenti, chiediamo il supporto della Regione per programmare il rilancio della città”.

Per Confcommercio Roma era presente Claudio Cavese, che si è detto disposto a supportare l’associazione dei commercianti di Colleferro a questo progetto di rilancio, attraverso una consulenza legale e commerciale, su vari servizi, ma anche sulla formazione, per gli strumenti del welfare per garantire un supporto integrativo, e infine come interlocutore con la Regione. A cura dell'Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio

Condividi su