Qualità del lavoro negli appalti, i sindacati bocciano la proposta di legge

I rappresentanti dei lavoratori ascoltati in commissione: serve un tavolo negoziale per rivedere le norme.
La presidente della nona commissione, Eleonora Mattia, con l'assessore Di Berardino, durante una precedente audizione. 13/01/2022 - La commissione Lavoro del Consiglio regionale del Lazio, presieduta da Eleonora Mattia, ha svolto oggi un primo ciclo di audizioni con le organizzazioni sindacali sulla proposta di legge per la qualità del lavoro negli appalti.

La posizione dei segretari di Cgil, Cisl e Uil - Michele Azzola, Rosita Pelecca e Alberto Civica - è netta: serve un tavolo negoziale con la Regione per modificare norme che altrimenti rischiano di far fare un netto passo indietro rispetto ai protocolli già sottoscritti fra l’amministrazione e le organizzazioni sindacali. “Una proposta indigeribile”, questa la loro conclusione. Due, in particolare, i punti contestati: l’ambito di applicazione della proposta, che esclude gli appalti di lavoro e non comprende tutte le aziende che usfruiscono di contributi o agevolazioni pubbliche e il tema della clausola sociale, “scritta – secondo i sindacati – in maniera da essere sostanzialmente negata”.

Giudizio negativo anche da parte di Venanzio Cretarola (Ugl), soprattutto sul campo di applicazione delle norme: “Senza approfondimenti si tratterebbe di un’occasione persa”.

Disponibilità al confronto e ad accogliere proposte migliorative del testo è stata espressa dalle consigliere Marta Bonafoni (Lista Zingaretti) che ha parlato di “necessità di una scrittura comune”, e Laura Cartaginese (Lega) secondo la quale “è nostro dovere analizzare bene questo testo e migliorarlo”.

La presidente Mattia, nel suo intervento, ha ricordato che la commissione sta discutendo anche un’altra proposta che tratta la sicurezza e il benessere sul lavoro: “Da qui alla fine della legislatura – ha spiegato – sono questi i temi a cui daremo la priorità, abbiamo il dovere di metterli al centro del dibattito politico”.

L’assessore al Lavoro Claudio Di Berardino, nella replica, ha ribadito la disponibilità al confronto con le organizzaziomni sindacali: "Questo è un testo base – ha dichiarato – su cui lavorare insieme nella sede propria che è la commissione consiliare, per arrivare a un testo condiviso con tutti gli interlocutori”.

In chiusura la presidente Mattia, ha ricordato brevemente la figura di David Sassoli, il presidente del parlamento europeo scomparso nei giorni scors A cura dell'Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio

Condividi su