Via libera in commissione agli interventi per la promozione di Ventotene

Il vcepresidente Leodori illustra la relazione annuale della Giunta sulla partecipazione della Regione alle politiche dell’Unione europe
Uno scatto sull'isola di Ventotene. 04/06/2021 - La seconda commissione consiliare permanente, Affari europei e internazionali, cooperazione tra i popoli, presieduta da Alessandro Capriccioli (+ Europa Radicali), riunita in modalità telematica, ha dato unanime parere favorevole allo schema di deliberazione della Giunta regionale n.172, concernente: “L.R. 12 agosto 2020, n. 12 – Riconoscimento di Ventotene come luogo della memoria e di riferimento ideale per la salvaguardia dei valori comuni ispiratori del processo di integrazione europea. Programma di interventi anno 2021”. A illustrare il provvedimento, è intervenuta l’assessora al Turismo, Valentina Corrado, la quale ha ricordato l’importanza che il provvedimento ha in particolare quest’anno in cui ricade l’ottantesimo anniversario del Manifesto di Ventotene, documento per la promozione dell'unità europea scritto da Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi nel 1941, durante il loro periodo di confino sull’isola pontina.

Con questa delibera si finalizza la somma di 150 mila euro disponibile sull’apposito capitolo di bilancio “Fondo per gli interventi per la celebrazione della giornata di Ventotene luogo della memoria e isola d’Europa (L.R. N. 12/2020)”, per il 2021. Di tale somma: 80 mila euro sono destinati alla promozione di iniziative per mantenere viva la memoria storica di Ventotene come luogo della memoria e di riferimento degli ideali e del pensiero contemporaneo europeo; 30 mila euro alla concessione di contributi, previo avviso pubblico, per la realizzazione di studi, ricerche, filmati, pubblicazioni, giornate di studio, mostre, visite guidate, percorsi didattici e manifestazioni volti a salvaguardare e a promuovere, con particolare riguardo alle giovani generazioni, gli ideali ispiratori e la trasmissione dei valori comuni che stanno alla base dell’integrazione e dell’identità europea; alla premiazione di tesi di laurea e dottorati di ricerca sulla storia dell’idea di Europa unita e del pensiero contemporaneo europeo, sul processo d’integrazione e sulle istituzioni europee sono destinati 40 mila euro, comprensivi delle attività propedeutiche alla valutazione degli elaborati effettuate da un comitato scientifico designato tra i componenti delle Università pubbliche della Regione Lazio senza specifici oneri aggiuntivi. Nello schema di delibera si stabilisce di affidare alla società in house LazioCrea SpA la realizzazione degli interventi di cui sopra e che tutte le iniziative, le manifestazioni e i materiali di comunicazione dovranno portare uno specifico logo dedicato.

L’Agenzia regionale del turismo provvederà a porre in essere tutti gli atti necessari all’attuazione della presente deliberazione, compresi quelli necessari al trasferimento delle suddette risorse a LazioCrea e alla definizione dei rapporti tra la Regione Lazio e la medesima Società relativi all’attuazione della deliberazione.

Dopo una breve pausa, la commissione ha ascoltato il vicepresidente della Regione lazio, Daniele Leodori, il quale ha illustrato la relazione informativa annuale della Giunta al Consiglio regionale anno 2020, ai sensi degli articoli 10 e 11 della legge regionale 9 febbraio 2015, n.1, relativamente alla partecipazione della regione alle politiche dell’Unione europea. Dopo l'illustrazione di Leodori, è intervenuta la consigliera Silvia Blasi (M5s), la quale si è soffermata su alcuni argomenti in campo ambientale e ha chiesto copia della versione della relazione illustrata in commissione.

  A cura dell'Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio

Condividi su