Una legge in commissione per la sviluppo dell'Etruria meridionale

La pl 281 prevede un piano straordinario di interventi settoriali ed intersettoriali per lo sviluppo economico
Un'immagine del porto di Civitavecchia. 30/03/2021 - L’undicesima commissione consiliare permanente, Sviluppo economico Sviluppo economico e attività produttive, start-up, commercio, artigianato, industria, tutela dei consumatori, ricerca e innovazione, presieduta da Marietta Tidei (Gruppo Misto), riunitasi oggi in modalità telematica, ha iniziato l’esame della proposta di legge n. 281 del 9 marzo 2021, concernente: “Piano straordinario di interventi settoriali ed intersettoriali per lo sviluppo economico e la valorizzazione territoriale dell'Etruria meridionale”, d’iniziativa della stessa Tidei e del consigliere Emiliano Minnucci (Pd).

Come ha spiegato Minnucci, questa legge interessa il territorio compreso nel triangolo tra Fiumicino, Bracciano e Civitavecchia, un’area che presente dei tratti comuni in materia di sanità, giustizia, termalismo, sistema bibliotecario, siti archeologici e ambiente. Obiettivo della legge è la valorizzazione del territorio, attraverso interventi volti allo sviluppo industriale e del litorale, del turismo, dell’agricoltura, della zootecnia, il tutto cercando di porre in essere un’azione sinergica tra le amministrazioni locali, riunite in un’apposita Consulta dei soggetti attuatori dei piani di sviluppo, così come prevede la pl 281, e le associazioni del territorio. “Nei nove articoli della legge – ha spiegato Minnucci – stimoliamo il mondo partecipativo e il mondo decisionale, con l’invito a non parcellizzare gli interventi, bensì a realizzare iniziative organiche al livello comprensoriale”.

Tidei ha posto l’accento sulla necessità di pensare ai milioni di turisti che transitano sul territorio oggetto del provvedimento, in particolare a Civitavecchia approdo di grandi navi da crociera, e ciò che rappresenta in termini di rilancio dell’occupazione, una volta finita l’emergenza Covid-19. E’ poi intervenuta la consigliera Silvia Blasi (M5s), la quale ha sottolineato che l’area interessata dal provvedimento all’esame della commissione ha bisogno di un rilancio della propria immagine, e la consigliera Francesca De Vito (M5s), la quale ha posto l’accento sulla necessità di valorizzare i prodotti tipici locali e sulle potenzialità della Fiera di Roma quale attrattore dell’ospitalità nel comune di Fiumicino. I lavori riprenderanno in una prossima riunione con le audizioni sulla pl 281. A cura dell'Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio

Condividi su