Affari europei: approvata risoluzione su programma di lavoro Commissione UE

L'atto della seconda commissione individua, ai sensi della legge 1 del 2005, i temi di interesse prioritario regionale tra quelli proposti a livello comunitario.
Bandiere UE. 26/03/2021 - Approvata oggi, all’unanimità dei presenti in commissione seconda Affari europei,  presieduta da Alessandro Capriccioli, la risoluzione con la quale si individuano, ai sensi dell’articolo 4 della Legge regionale n. 1 del 2005, le iniziative ritenute  dalla Regione di interesse prioritario nell’ambito del programma di lavoro della Commissione Europea per il 2021.

Tredici gli obiettivi politici, raggruppati in cinque macrotemi, individuati, in continuità con il lavoro fatto negli scorsi anni, come ha ricordato il presidente Capriccioli, nell’allegato di questo atto, che si colloca nel quadro della partecipazione della Regione alla formazione degli atti e delle politiche dell’Unione europea. Con esso si impegnano infatti il presidente della Regione e la Giunta a valutare, nel momento della presentazione delle iniziative Ue di cui si fa cenno nella risoluzione, l’opportunità di inviare osservazioni al governo nazionale per gli aspetti di competenza regionale (si tratta della cosiddetta “fase ascendente” del potere di partecipazione delle regioni alla normativa UE).

Per il tema “Un green deal europeo”, gli obiettivi sono  il numero 1, “Pacchetto pronti per il 55%”, il n. 2, “Pacchetto per l’economia circolare” e il n. 3, “Pacchetto su biodiversità e ambiente privo di sostanze tossiche”. Tre obiettivi scelti anche per il tema “Un’Europa pronta per l’era digitale”: l’obiettivo politico 5, “Il decennio digitale europeo”, l’obiettivo n. 6, “Pacchetto dati”, e l’obiettivo n. 9, “Lavoratori delle piattaforme digitali”. Un solo obiettivo, il n. 18, “Pacchetto economia equa”, per il tema “Un’economia al servizio delle persone” e così pure per il tema “Promozione dello stile di vita europeo” (obiettivo n. 36, “Seguito dato allo spazio europeo dell’istruzione e dell’aggiornamento dell’agenda per le competenze”). Infine, cinque obiettivi scelti per il tema “Un nuovo slancio alla democrazia europea”: si tratta dell’obiettivo n. 38, “Diritti dei minori”, del n. 39, “Prevenire e combattere forme specifiche di violenza di genere”, del n. 42, “Pacchetto sulla trasparenza e la democrazia”, del n. 43, “Visione a lungo termine per le zone rurali”, e del 44, “Strategia dell’UE per la disabilità”.

Tra i consiglieri presenti alla votazione, Silvia Blasi del Movimento 5 stelle è voluta intervenire prima del voto per esprimere la sua particolare soddisfazione per l’inserimento dei tre obiettivi riguardanti la tematica ambientale nel suo complesso, con particolare attenzione alla questione dei cambiamenti climatici.

Erano presenti alla seduta telematica, oltre a Blasi e Capriccioli, anche i consiglieri Sara Battisti del Partito democratico, Enrico Cavallari e Marietta Tidei del misto. A cura dell'Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio

Condividi su