Connettività e interventi nelle scuole: risponde l'assessore Alessandri

Audizione congiunta di sesta e nona commissione.
10/11/2020 - La sesta commissione consiliare permanente, Lavori pubblici, infrastrutture, mobilità, trasporti, presieduta da Eugenio Patanè (Pd), e la nona, Lavoro, formazione, politiche giovanili, pari opportunità, istruzione, diritto allo studio, presieduta da Eleonora Mattia (Pd), si sono riunite oggi in modalità telematica, per un’audizione congiunta sullo stato degli interventi in materia di edilizia scolastica e sugli approvvigionamenti all’apertura dell’anno scolastico. L’audizione era stata richiesta dalla consigliera Roberta Lombardi (M5s), per avere informazioni dalla Giunta in tema di connessione, sullo stato d’attuazione del piano regionale per la banda larga del 2015, e “sull’impatto che la gestione del Covid – ha precisato Lombardi - compresa tutta la questione digitale della didattica a distanza che è diventata una componente sistemica di quest’anno scolastico". "C’è tutto il tema delle quarantene di intere classi – ha proseguito Lombardi - e quindi la didattica che viene fatta a distanza per questa fase della pandemia per le elementari e le medie, e per le superiori che si trovano al 100 per cento a distanza.”. Lombardi ha citato l’impietosa classifica della testata specializzata Tuttoscuola.com, basata su dati del Ministero della pubblica istruzione, in tema di alfabetizzazione digitale: saranno oltre 24 mila i docenti nel Lazio che si collegheranno con il pc, ma è la minore percentuale di docenti (32 per cento) che si collegano da remoto (ai primi posti Campania e Lombardia).

Per la Giunta è intervenuto Mauro Alessandri, assessore ai Lavori pubblici e tutela del territorio, mobilità, rispondendo, oltre che in materia di edilizia scolastica, anche sulle materie di competenza dell’assessorato alla Scuola.

"Sui 32 milioni di euro messi a disposizione dal ministero della Pubblica istruzione - ha spiegato Alessandri - per interventi di edilizia leggera, funzionali alle esigenze derivanti dall’emergenza Covid-19, la Regione non ha informazioni, in quanto comunicatori con il ministero di queste risorse sono gli enti proprietari, quindi i comuni, la città metropolitana di Roma, le province e gli istituti scolastici”.

“Il rapporto diretto sugli acquisti - ha proseguito Alessandri -per gli interventi di microedilizia negli istituti scolastici, la Regione Lazio non è l’interlocuotore che può dare aggiornamenti. Neppure l’ufficio scolastico regionale ha queste informazioni”. Alessandri ha riportato i dati raccolti dai questionari fatti circolare: al 14 settembre ci segnalavano la mancanza di 110 aule. “Da allora – ha detto Alessandri - l’ufficio scolastico regionale non ha ricevuto report sugli aggiornamenti e non sa se sia stata sanata questa mancanza. Per quanto riguarda la partita dei banchi, questa è gestita dal commissario Arcuri, anche su questo non sappiamo rappresentarvi dei dati”.

“C’è la parte dell’edilizia scolastica vera e propria – ha proseguito Alessandri - che prevede una gamma di dodici tipologie di interventi sulla edilizia scolastica ordinaria per un totale di 434,5 milioni di euro di investimenti che sono in piena attuazione”.

In merito alla connettività degli edifici e della didattica a distanza, Alessandri ha annunciato che entro la fine di questa settimana sarà pubblicato il bando per potenziare la connessione internet delle scuole di secondo grado e anche per l’acquisto di dispositivi mobili e degli abbonamenti per gli studenti con un investimento di tre milioni di euro Saranno chiamati a collaborare gli organi scolastici a inviare le domande in modalità informatiche semplificate. E a proposito di connettività degli edifici scolastici, Alessandri ha riferito in audizione anche i risultati della rilevazione effettuata nel mese di giugno la Regione Lazio, con il coinvolgimento di tutti i dirigenti scolastici di istituti statali nella regione Lazio. “Al 21 luglio – ha riferito Alessandri - è stato fatto il punto: risultavano validati 1569 questionari su 3227 edifici scolastici dove si rileva la presenza di una connessione a banda larga nel sessantotto per cento dei casi, cioè 1068 edifici, con studenti che usufruiscono di tale connessione nella regione che sono circa 287.000”.

Nel corso dell’audizione sono intervenuti sia il presidente Patanè che la presidente Mattia, il consigliere Emiliano Minnucci (Pd) e le consigliere Lombardi e Valentina Grippo (Pd). Nel corso del dibattito è emersa la constatazione che nulla è stato fatto ancora dalla Regione Lazio per le famiglie che hanno problemi per dotarsi di pc e tablet, che c’è una connettività che divide la popolazione in cittadini di serie A e di serie B e che è necessaria una ricognizione totale sul territorio, anche con il coinvolgimento di Corecom e Agcom. Al termine delle replica dell’assessore Alessandri, i presidenti delle commissioni hanno convenuto sul punto di convocare una nuova audizione, in quanto c’ancora carenza d’informazione in materia di scuole, connettività e dotazioni informatiche. A cura dell'Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio

Condividi su