In decima commissione audizione su Valle Fontana e Fosso delle Campanelle

Netta opposizione dei comitati locali al progetto per la costruzione di una nuova strada, approvato dalla Città Metropolitana di Roma Capitale, assente all’incontro.
Un momento dell'audizione in decima commissione sulla Valle Fontana. 15/09/2022 - Si è svolta oggi in commissione Urbanistica, politiche abitative, rifiuti, un’audizione sul progetto di costruzione di una nuova strada nella Valle Fontana, Fosso delle Campanelle, richiesta dal comitato civico di quella zona. La questione è stata spiegata da Massimiliano Pirandola, membro del comitato, dal suo presidente, Michele Mansi, e dall’esperta in materia ambientale Chiara Mansi, anch’essa membra del comitato.

Pirandola ha spiegato che si tratta di un’area verde molto importante, con la presenza di numerosi orti e tutelata dal punto di vista paesaggistico e storico, vista la presenza di numerosi esemplari di fauna selvatica e di reperti di epoca romana ed etrusca. Nel gennaio del 2021 è iniziato lo sgombero degli ortisti perché la Città Metropolitana di Roma Capitale ha approvato un progetto per la costruzione di una strada di collegamento con via Trionfale che, a detta dei rappresentanti del comitato, è non solo inutile ma anche dannosa per il territorio. Michele Mansi ha sottolineato che la decisione dell’ex Provincia di Roma non ha coinvolto i residenti né le altre istituzioni locali nel processo decisionale. Inoltre, a detta del comitato, il progetto non ha ricevuto le necessarie autorizzazioni dagli enti preposti e numerosi sono stati gli esposti e le denunce presentate dai cittadini contro la costruzione della strada.

Anche Mauro Gallucci, dell’Associazione Protezione Civile Guadalupe, ha messo in evidenza i rischi idrogeologici che deriverebbero dalla costruzione della strada in quella zona. Contrario al progetto anche Ivan Mazzone, presidente dell’Associazione Attivisti Gruppo Randagio.

Nel corso dell’audizione sono intervenuti anche Alice Tummarello, del Servizio Igiene e Sanità pubblica della Asl Roma 1, e Cristian Barrella di Arpa Lazio, per spiegare che i rispettivi enti non sono mai stati interpellati dalla Città Metropolitana per esprimere il parere di competenza sulla fattibilità dell’opera.

Nel dibattito in decima commissione è mancato il contradditorio poiché non si sono presentati all’audizione i rappresentanti della Città Metropolitana né quelli di Roma Capitale. A cura dell'Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio

Condividi su