home / archivio notizie / dettaglio notizia

Prima giornata d'Aula del 2019: ventotto ordini del giorno approvati

Seduta dedicata ai 500 documenti collegati alla manovra di bilancio. Si prosegue domani e lunedì
L'ingresso della sede del Consiglio regionale.10/01/2019
Il Consiglio regionale del Lazio ha ripreso oggi i lavori d’Aula dopo le festività natalizie, iniziando l’esame dei quasi 500 ordini del giorno collegati alle proposte di legge n. 85 (Legge di Stabilità regionale 2019) e n. 86 (Bilancio di previsione 2019-2021), approvate il 22 dicembre scorso. Nel corso della seduta odierna sono stati approvati 28 ordini del giorno di istruzione alla Giunta regionale collegati alla Legge di stabilità, diversi dei quali sono stati respinti, più di 300 quelli ritirati. L’esame dei restanti dispositivi proseguirà domani, venerdì 11 gennaio, a partire dalle 10,30 e lunedì 14 gennaio 2019.

Gli ordini del giorno approvati su proposta di consiglieri del centrosinistra.

Due ordini del giorno approvati con primo firmatario il consigliere Alessandro Capriccioli (+Europa Radicali): il primo (presentato insieme a Marta Bonafoni della Lista Zingaretti) impegna la Giunta regionale a “predisporre e/o finanziare interventi per contrastare il fenomeno del caporalato e lo sfruttamento dei lavoratori Sikh nell’Agro Pontino”. Il secondo (sottoscritto anche da altri otto consiglieri) impegna la Giunta a “finanziare la realizzazione e la gestione di centri dedicati alla tutela della salute sessuale (checkpoint), a partire dalla città di Roma, coinvolgendo le realtà associative e in collaborazione con i centri clinici del territorio”, con particolare attenzione per coloro che sono a maggior rischio di infezione da Hiv. Tre gli ordini del giorno che vedono come primo firmatario il consigliere del Partito democratico Emiliano Minnucci: il primo per promuovere l’eliminazione delle barriere architettoniche nelle stazioni ferroviarie; il secondo volto al riconoscimento della fibromialgia quale patologia rara da parte del servizio sanitario regionale; il terzo per garantire una copertura di ambulanze e mezzi del 118 nei pressi dello snodo autostradale della A! Roma Nord. La consigliera Marta Leonori (Pd) è la prima firmataria di un ordine del giorno approvato volto a potenziare il sistema dei Confidi.

Gli ordini del giorno approvati su proposta dei consiglieri del centrodestra

Approvati otto ordini del giorno presentati dal gruppo Fratelli d’Italia (Colosimo, Ghera, Righini) che impegnano la Giunta regionale a: emanare disposizioni per favorire il ricorso da parte degli enti locali all’istituto del cosiddetto baratto amministrativo; stanziare contributi per le strutture sportive regionali finalizzati all’applicazione di tariffe agevolate per giovani, disoccupati, anziani e cittadini con basso reddito; avviare una campagna informativa e di sensibilizzazione sui danni derivanti dall’uso di sostanze stupefacenti e di alcool; stanziare adeguate risorse finanziare per adeguare gli edifici scolastici del Lazio alle norme anti sismiche; migliorare l’organizzazione e le prestazioni sanitarie erogate dal Policlinico Tor Vergata di Roma; stanziare fondi per avviare uno studio di fattibilità per l’installazione di sistemi di videosorveglianza nelle aree naturali protette per prevenire gli incendi; individuare le risorse per istituire un fondo straordinario per la messa in sicurezza del patrimonio pubblico dei comuni colpiti dagli ultimi eventi sismici; portare in Consiglio regionale una proposta che preveda una maggiore  compartecipazione da parte della Regione alle spese che devono sostenere i piccoli comuni per la compartecipazione alle spese delle degenze presso le residenze sanitarie assistite (Rsa).

Della Lega (Corrotti, Giannini, Tripodi) sono sette i documenti approvati oggi, riguardanti: interventi a favore della raccolta del sangue; il potenziamento dell’ospedale Bambino Gesù di Santa Marinella; l’uso dei cannabinoidi per finalità terapeutiche; il potenziamento dei centri antiviolenza sulle donne e i loro figli; lo sviluppo economico dell’agricoltura nel Sud pontino; le attività di tirocinio e inserimento dei giovani al mondo del lavoro; la promozione e la divulgazione dell’enogastronomia tipica delle provincie del Lazio.

Un ordine del giorno presentato dal gruppo consiliare di Forza Italia impegna la Giunta regionale a monitorare gli effetti della ecotassa introdotta dal Governo, con particolare riferimento alle conseguenze per l’economia industriale e sociale del Lazio meridionale, sede dello stabilimento Fca di Piedimonte San Germano (FR).

Gli ordini del giorno approvati su proposta dei consiglieri del Movimento 5 stelle

Sette gli ordini del giorno approvati oggi che vedono come primo firmatario un consigliere o una consigliera del Movimento 5 stelle. Quattro quelli sottoscritti per primo da Loreto Marcelli: sulla valorizzazione del monumento naturale di Montecassino; sulla messa in sicurezza della strada regionale 666 e sul monitoraggio della struttura portante del ponte stradale in località Fosso del Nibbio; per il riconoscimento e il reinserimento nell’elenco delle malattie rare della sindrome da sensibilità chimica multipla (Mcs); a per l’adeguamento alle “Linee di indirizzo sulle modalità organizzative ed assistenziali della rete dei centri di senologia” del ministero della Salute, nelle province di Latina, Viterbo e Rieti. Un ordine del giorno presentato dai consiglieri Marco Cacciatore e Devid Porrello impegna la Giunta e il presidente della Regione Lazio a intervenire con nuove risorse per la manutenzione di stabili di edilizia economica e popolare e di edilizia residenziale pubblica.  Un ordine del giorno che vede come prima firmataria la consigliera Francesca De Vito impegna la Giunta regionale “a mettere in campo delle azioni di sostegno che consentano la salvaguardia delle botteghe storiche ed artigianali” e a salvaguardare arti e mestieri antichi alle nuove generazioni.

Nel corso della seduta odierna, su proposta del consigliere Fabrizio Ghera (FdI), l’Aula ha osservato un minuto di silenzio per commemorare il prof. Fernando Aiuti, morto ieri al Policlinico Gemelli di Roma. A cura dell'Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio

Ufficio Stampa


Condividi su