home / il consiglio in europa

Il Consiglio regionale in Europa

EU flagQuadro normativo
A seguito della riforma del 2001 della Costituzione, il Titolo V riconosce alle Regioni ed alle Province autonome italiane un ruolo “europeo”. L’articolo 117, comma 5 della Costituzione ne assoggetta la potestà legislativa ai vincoli derivanti dall’ordinamento europeo, assegna loro un ruolo attivo tanto nella formazione che nell’attuazione del diritto comunitario nel rispetto delle norme di procedura stabilite con legge dello Stato.

I Trattati istitutivi, con le modifiche apportate dal Trattato di Lisbona del 2007 (in vigore dal 1° dicembre 2009), e i Protocolli, numeri 1 e 2, annessi ai Trattati, hanno attribuito al Parlamento europeo, ai Parlamenti nazionali, agli enti territoriali interni agli Stati membri e, in particolare, alle Assemblee regionali maggiori poteri di informazione, partecipazione e controllo in merito al funzionamento dell’Unione europea, riconoscendo l’importanza del loro contributo alla democratizzazione dell’ordinamento giuridico europeo.

La legge n. 234 del 2012 individua, in attuazione del Trattato di Lisbona, gli spazi giuridico – normativi per una partecipazione attiva delle Regioni e, in particolare, dei Consigli regionali alla formazione e attuazione della normativa europea, anche con riferimento alla verifica del principio di sussidiarietà da parte dei Consigli medesimi, in cooperazione con il Parlamento nazionale.

La legge regionale 9 febbraio 2015, n. 1, disciplina la procedura che consente la partecipazione della regione alla formazione e attuazione della normativa e delle politiche dell'Unione europea.
Per rafforzare la partecipazione al processo decisionale nazionale ed europeo, i Presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome si coordinano al livello nazionale nell’ambito della Conferenza delle Assemblee Legislative delle Regioni e delle Province autonome, e al livello europeo attraverso la Conference of EuropeanRegional Legislative Assemblies (CALRE)
Inoltre, la 14ª Commissione del Senato Politiche europee e la Conferenza dei Presidenti delle Assemblee legislative regionali e delle Province autonome, hanno stipulato un accordo (Doc. XXIV, n. 35) sul coinvolgimento dei Consigli regionali nei processi di partecipazione alla fase ascendente di formazione del diritto europeo:
Senato della Repubblica, XIV Commissione – Risoluzione in merito alla collaborazione tra la Commissione Politiche dell'Unione europea del Senato e la Conferenza dei Presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome, approvata nella seduta del 24 settembre 2014