Erosione costiera: sindaci e operatori del litorale romano alla Pisana

Da Santa Marinella ad Anzio , le critictà dell'erosione costiera
10/02/2020 - Si è tenuta oggi, presso la Pisana, una lunga audizione in commissione Tutela del territorio, erosione costiera, emergenze e grandi rischi, protezione civile e ricostruzione per affrontare il tema dell’erosione costiera e della messa in sicurezza del litorale, con un focus su quello romano.

Moltissimi gli interventi moderati dal presidente Sergio Pirozzi. Il tema comune ai sindaci costieri è la necessità di porre rimedio all’erosione costiera. Dal sindaco di Nettuno è stato lanciato l’allarme sulle conseguenze dell’erosione, a Nettuno come a Santa Marinella, infatti, sono a rischio alcuni siti archeologici.  Dal comune di Anzio è stata segnalata l’emergenza di intervenire sulla frana della falesia che sta arrivando sull’Ardeatina.  Il sindaco di Fiumicino dopo aver descritto lo stato di erosione di Fiumicino sud fino ad arrivare a Fregene ha parlato di un ”metodo di lavoro inadeguato”, perché si tratta di porre rimedi di volta in volta  a fronte di una questione che è di carattere nazionale, Esterino Montino ha poi precisato: “occorre un atto di indirizzo globale, perché i subdelegati ( in questo caso i comuni) non hanno risorse  e competenza su una questione nazionale”.  A peggiorare la situazione dell’eroione, a detta degli operatori intervenuti oggi in commissione, sembra essere anche il cambiamento climatico, dove mareggiate e alluvioni non possono più considerarsi eventi eccezionali. Dello stesso parere il vice sindaco di Ladipsoli che ha riportato l’esperienza del piccolo comune che gode di fondi statali riassegnati due anni fa. Ma che, per intervenire, ha bisogno di pareri regionali a volte troppo lenti rispetto alla necessità di intervenire. A fine dei numerosi interventi il presidente Pirozzi, sottolineando come per la prima volta la commissione sia riuscita ad ottenere fondi per lo studio della costa, “le risorse ci sono ma a volte – ha dichiarato Pirozzi -  mancano i progetti per questo la fase dello studio e della progettualità è importante” in conclusione ha auspicato che l’assessorato regionale lavori ad un Vadevecum sui vari passaggi istituzionali “ perché – ha terminato - è importante sapere “chi” e “cosa” deve fare”.

Per l’assessorato era presente l’ingegnere Sergio Celestino che ha illustrato ai presenti il piano di intervento anche a seguito all’esperienza pregressa di ripascimenti fatti ma poi vanificati in breve tempo. “La giunta – ha dichiarato Celestino – ha preso atto della necessità di munirsi di un unico programma, spesso sono stati vanificati interventi di ripascimento morbido. Si deve partire da uno studio e noi abbiamo incaricato l’Università di Roma Tre con la Facoltà di Ingegneria del mare a farne uno sulla costa e da qui trovare soluzioni che non siano a spot. Lo studio prevede un cronoprogramma”, poi ha parlato di fondi stanziati che per il 2020 saranno di 2 milioni di euro.

 

Sono intervenuti il Sindaco di Nettuno Alessandro Coppola, il Sindaco di Anzio Candido De Angelis, il Sindaco di Ardea Mario Savarese, il Sindaco di Pomezia Adriano Zuccalà, Presidente X Municipio Di Pillo Giuliana, il Sindaco di Fiumicino Esterino Montino, il Sindaco di Ladispoli Alessandro Grando, il Sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci, il Sindaco di S. Marinella Pietro Tidei, il Sindaco di Civitavecchia Ernesto Tedesco, il Sindaco di Tarquinia Alessandro Giulivi, il Sindaco di Montalto di Castro Sergio Caci, il Presidente SIB lido di Roma Rosella Pizzuti, il Presidente FIBA Confcommercio Ruggero Barbadoro,  il Presidente Federbalneari  Ruggero Papagni, il Presidente Ascom Ostia Vitali Armando,  il Presidente Di Ostia Amor Mannucci Italo, Presidente Assolbalneari Lazio (Confindustria) Simonetta Mancini, Fareverde Cinzia Negri, Federalberghi Fiumicino Coriddi Massimo, Federbalneari Fiumicino Sara Lollini, Presidente Legambiente Lazio Scacchi Roberto, Gruppi ricerca ecologica Lazio Presidente Carlo De Falco, CNA rappresentante regionale Maurizio Criscuolo, Consigliere Orlando Tripodi. A cura dell'Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio

Condividi su