Ok a piano interventi diritto allo studio e criteri per progetti a favore luoghi delle donne

7milioni 700mila euro ai Comuni per le scuole e 100mila euro per attività di valorizzazione dei luoghi della memoria e di incontro delle donne.
29/07/2019 - La commissione Lavoro, formazione, politiche giovanili, pari opportunità, istruzione, diritto allo studio del Consiglio regionale del Lazio, presieduta da Eleonora Mattia, ha approvato all’unanimità due schemi di deliberazione: il n. 62 concernente il Piano annuale degli interventi per il diritto allo studio scolastico - anno scolastico 2019/20 e il n. 66 concernente l’approvazione dei criteri e delle modalità per la concessione dei contributi alle associazioni del terzo settore per l’anno 2019 in merito alle azioni per la conservazione e promozione della storia e cultura delle donne, azioni di sostegno della libertà femminile e prevenzione e contrasto a alle discriminazione di genere, così come previsto dalla legge regionale n. 7 del 2018. Presenti gli assessori alla Scuola, Claudio Di Berardino, e alle Pari Opportunità, Lorenza Bonaccorsi.

Con il primo schema, la Regione stanzia in favore dei Comuni del Lazio 7milioni 700mila euro per il servizio di mensa scolastica, il trasporto scolastico degli alunni delle scuole del primo ciclo e la fornitura di libri di testo agli alunni della scuola primaria.

Centomila euro le risorse disponibili per il secondo schema, che finanzia attività di valorizzazione dei luoghi della memoria delle donne e progetti volti a individuare luoghi di incontro delle donne in cui promuovere il confronto sulla storia e la cultura delle donne nell’azione di sostegno della libertà femminile, della prevenzione e del contrasto alle discriminazioni di genere, nonché al benessere delle donne.

Sono ammesse al contributo le associazioni del Terzo Settore che hanno come esclusiva finalità statutaria la promozione della libertà femminile, la prevenzione e il contrasto alle discriminazioni e alla violenza di genere, iscritte agli albi e registri regionali del volontariato, della promozione o della cooperazione sociale o iscritte all’anagrafe delle Onlus presso l’Agenzia delle entrate, con almeno cinque anni di attività e aventi una o più sedi nella Regione Lazio.

Un’apposita Commissione valuterà i progetti e stilerà la graduatoria di quelli ammissibili al contributo, fino a un massimo di 25mila euro ciascuno.

Alla seduta erano presenti i consiglieri Marta Bonafoni (Lista Civica Zingaretti), Salvatore La Penna (Pd) e Loreto Marcelli (M5S). A cura dell'Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio