Presentata la proposta di legge per incentivare il compostaggio aerobico di rifiuti organici

Il provvedimento è stato Illustrato in decima commissione dal presidente Marco Cacciatore. Dal 18 giugno inizieranno le audizioni.
Una discarica abusiva 11/06/2019 - Il presidente Marco Cacciatore (M5s) ha illustrato oggi in commissione Urbanistica, politiche abitative, rifiuti, la proposta di legge n. 113 “Disposizioni per promuovere le pratiche di compostaggio aerobico di rifiuti organici”.

Il provvedimento – sottoscritto anche da altri sei consiglieri dello stesso gruppo – individua una serie di azioni volte al trattamento e alla valorizzazione locale dei rifiuti organici, contribuendo a ridurre l’impatto ambientale prodotto dai trasporti. “La gestione territoriale del rifiuto organico presso i luoghi di produzione dello stesso – ha infatti spiegato Cacciatore – permette di minimizzare i costi di trasporto, di evitare lo smaltimento del rifiuto ottemperando alle previsioni comunitarie, di introdurre infine un percorso virtuoso che produce compost di qualità riutilizzabile quale ammendante nei terreni agricoli”.

Il presidente della decima commissione ha poi spiegato che la gestione diretta o associata in comunità di piccole e medie dimensioni della frazione del rifiuto organico secondo metodi di trasformazione aerobica consente facilmente di governare il processo di trasformazione in compost del rifiuto organico. Secondo Cacciatore, questo potrà poi essere utilizzato agevolmente dagli agricoltori nei terreni prossimi al punto di trasformazione e produzione. “La Regione incentiva da tempo i metodi biologici di produzione agricola e l’utilizzo del compost di qualità sui terreni costituisce la chiusura del cerchio di questa pratica virtuosa”, ha concluso Cacciatore.

La proposta di legge prevede bandi pubblici per concedere contributi a soggetti anche privati per la produzione di compost di qualità; per diffondere le pratiche di autocompostaggio di comunità; per realizzare impianti di prossimità; per sviluppare progetti di informazione, controllo e monitoraggio; per realizzare, infine, iniziative di formazione e informazione sulle pratiche di compostaggio. Per queste finalità, la proposta dispone per l’anno 2019 una dotazione finanziaria di 10 milioni di euro e prevede l’istituzione di un Fondo regionale per l‘incentivazione al trattamento aerobico della frazione organica, facendo ricorso ai bandi Por-Fsr.

In chiusura di seduta, Cacciatore ha annunciato che a partire dal 18 giugno inizieranno le audizioni in commissione propedeutiche all’esame del testo.

Presenti alla seduta i consiglieri Enrico Panunzi, Enrico Maria Forte, Emiliano Minnucci (tutti del Pd), Paolo Ciani (Centro solidale-DemoS) e Gaia Pernarella (M5s). A cura dell'Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio