Spettacolo dal vivo, annunciato tavolo sul regolamento per i contributi

Audizione alla Pisana delle associazioni interessate, con l’assessore Lidia Ravera, Agis e Lazio Innova. Emerse criticità sull’attuazione del regolamento approvato un anno fa.

15/05/2017 - A poco più di un anno dall’approvazione della delibera di Giunta che ha stabilito i criteri per la partecipazione, l’assegnazione, l’erogazione e le procedure per il monitoraggio e per la rendicontazione in materia di contributi allo spettacolo dal vivo, il regolamento regionale torna sotto i riflettori della commissione Cultura del Consiglio regionale del Lazio.

Le associazioni e le fondazioni del settore, infatti, sono state ricevute oggi in audizione – insieme all’assessore regionale alla Cultura e alla società Lazio Innova – per portare all’attenzione della commissione una serie di criticità emerse durante questo primo anno di attuazione del regolamento previsto dalla legge 29 dicembre 2014 n. 15 ma anche per protestare contro la riduzione delle risorse del fondo unico regionale per lo spettacolo dal vivo e contro la modifica alla legge 15 del 2014, introdotta recentemente, che ha fissato al 30 giugno di quest’anno il termine entro cui presentare le domande per partecipare ai contributi stanziati per l’annualità 2018. Le proposte di modifica al regolamento sono state illustrate da Teresa Azzaro, Valerio Vicari, Francesco Galteri e Marco Ciuti, in rappresentanza delle 12 associazioni partecipanti all’audizione.

Al termine della seduta, preso atto anche della disponibilità dell’assessorato e di Lazio Innova (partner della Regione nella gestione dei bandi), il presidente della commissione ha annunciato che presto sarà istituito un tavolo presso lo stesso assessorato con tutti i soggetti interessati al fine di trovare soluzioni alle criticità emerse nell’attuazione del regolamento approvato un anno fa, soprattutto con riferimento alle difficoltà e ai costi derivanti dalle operazioni di rendicontazione previste dal regolamento.

La commissione non ha preso impegni invece circa la possibilità di modificare la data di scadenza del 30 giugno, per la quale occorrerebbe un intervento legislativo in Consiglio regionale. Infine, per quanto riguarda la riduzione del fondo unico regionale per lo spettacolo dal vivo, l’assessore Lidia Ravera ha risposto che sono previste risorse da altre fonti che andrebbero a bilanciare quel taglio. A cura dell'Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio