Sanità, verso un testo unificato su stabilizzazione precari

Illustrate due proposte di legge in materia, presentate da Enrico Forte (Pd) e Giuseppe Simeone (Forza Italia).

I lavori della commissione Salute. 16/02/2017 - Illustrate oggi in commissione Politiche sociali e salute due proposte di legge in tema di politiche del personale e stabilizzazione dei precari nel comparto sanitario regionale.
I consiglieri, al termine della seduta, , presieduta da Rodolfo Lena, hanno deciso di procedere alla formulazione di un testo unificato che, con l'ausilio dell'ufficio legislativo del Consiglio, tenga conto di entrambe le proposte, nonché delle raccomandazioni espresse nel corso della riunione dalla direzione Salute e dalla cabina di regia del sistema sanitario regionale.

A presentare il primo testo all'ordine del giorno è stato il firmatario Giuseppe Simeone (Pdl-Forza Italia). La sua proposta apporta modifiche alla legge regionale numero 14 dell'11 agosto 2008, aggiungendo un articolo secondo il quale per "servizio maturato" è da intendersi "quello effettivamente svolto a qualunque titolo presso le aziende e gli enti del servizio sanitario regionale". Questo, allo scopo di estendere la platea dei lavoratori interessati al processo di stabilizzazione in atto.

Il secondo testo all'attenzione della commissione è stato illustrato dal primo firmatario Enrico Forte (Pd) e si contraddistingue per due articoli che introducono nuovi criteri per procedere ad assunzioni nel comparto sanitario. Si intende infatti dotare le aziende e gli enti del servizio regionale di un "budget economico annuale assegnato per il reclutamento del personale". Nell'ambito di questa disponibilità, saranno le Asl stesse a determinarsi, "previa adeguata valutazione del proprio fabbisogno". Attualmente, invece, si procede attraverso singole richieste di deroga al blocco del turn over.

All'ordine del giorno di una prossima seduta, quindi, il testo unificato in preparazione.

A cura dell'Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio